page loader

News

Perché Bona Spray Mop non è una scopa lavapavimenti qualunque

08/07/2019
Categorie: News
Perché Bona Spray Mop non è una scopa lavapavimenti qualunque

Tra tutte le modalità di pulizia del parquet esistenti, Bona Spray Mop è sicuramente una delle più comode e veloci. Lo spray mop, infatti sfrutta un principio semplicissimo, che è quello della detersione attraverso un pratico sistema di nebulizzazione.

Probabilmente sei abituato a lavare il pavimento in un certo modo: secchio e straccio per i più tradizionalisti, o mocio per chi ha problemi di schiena. Ma c’è una terza via, che è quella di Bona Spray Mop, che consente di ottenere una pulizia ugualmente efficace ma con minore, anzi zero fatica.

Perché Bona Spray Mop non è una scopa lavapavimenti qualunque: i segreti della pulizia veloce

Che tu sia una casalinga o una lavoratrice, uomo o donna, giovane o anziano, una cosa è certa: preferiresti fare altro piuttosto che pulire casa. Come darti torto? È un’attività che non piace a nessuno, perché comporta fatica e tempo “perso”.

Per non parlare di quando inizia a far troppo caldo, come adesso: le pulizie diventano una vera e propria seccatura. 

Eppure non c’è modo di scampare: i pavimenti, specialmente se in legno, devono essere puliti. 

Con Bona Spray Mop, però, le pulizie possono diventare molto più facili, se non piacevoli. Scopriamo i segreti di questo mop spray!

Cos’è uno spraymop

Con questa terminologia anglosassone intendiamo essenzialmente una scopa lavapavimenti, ossia uno strumento che svolge due azioni, l’una consequenziale all’altra: rimuovere la polvere dapprima e lavare poi.

Tradizionalmente le scope sono costituite da setole, e per questo la loro funzione si limita a spostare lo sporco da una parte all’altra, fino a raggiungere la paletta. Una scopa spray mop invece, cattura e trattiene lo sporco, che resta sul panno in microfibra. Cambiando poi panno, potrai passare alla detersione del pavimento. Di conseguenza non c’è più bisogno di passare dalla scopa (o aspirapolvere) al secchio!

Come è fatto Bona Spray Mop

Questo strumento può essere utilizzato per tutti i tipi di pavimenti, ma risulta particolarmente adatto per il parquet. 

Bona Spray Mop è costituito da:

  • Una testina ruotante a 360°
  • Un manico leggero
  • Un alloggiamento per la cartuccia del detersivo
  • Un’impugnatura ergonomica con il sistema di erogazione.

Tutto questo lo rende un prodotto non solo di qualità, ma anche con notevoli vantaggi rispetto ai normali spray mop. 

I vantaggi

Quando si parla della pulizia della casa, spesso si è combattuti tra economicità e qualità. Ma di certo chi ha scelto come pavimentazione un parquet, che sia esso verniciato o oliato, ha fatto una scelta precisa, che è quella della qualità.

Un pavimento in legno richiede delle cure maggiori rispetto alla ceramica e al cotto. Per questo motivo non ha senso utilizzare prodotti di bassa qualità per la sua pulizia! Oltre a durare poco, infatti, potrebbero anche arrecare dei danni seri al pavimento. 

La scelta di Bona Spray Mop presuppone quindi una preferenza per materiali innovativi, struttura ergonomica e, soprattutto, un detergente specificatamente progettato.

Il detergente di Bona Spray Mop

Un parquet, come sappiamo, non è un normale pavimento. È molto sensibile a diversi fattori, tra cui l’umidità e l’acqua. Basta infatti rovesciare un bicchiere e non asciugare immediatamente per notare subito rigonfiamenti e difetti. 

Bisogna quindi fare molta attenzione al detergente scelto per lavare il parquet. Molti si limitano a un detergente neutro e a strizzare bene il mocio o lo straccio, ma così si corre il rischio di utilizzare troppa acqua e di danneggiare nel tempo il legno.

Con Bona Spray Mop, invece, puoi utilizzare il sistema di nebulizzazione per spruzzare la giusta quantità, necessaria alla pulizia del tuo parquet.

Questo, appunto, risolve il problema della quantità, ma non quello della qualità. Quale prodotto utilizzare?

Il kit di Bona Spray Mop contiene al suo interno non solo la scopa lavapavimenti, ma anche un detergente speciale per parquet. Se la differenza tra i “normali” mop e il classico mocio sta nel sistema di lavaggio adottato, Bona si differenzia ulteriormente, mettendo a disposizione un detergente studiato appositamente per pavimenti in legno (declinato ulteriormente, nel caso di pavimenti in legno oliati) e non un classico detergente neutro.

La cartuccia che contiene il detergente può essere comodamente applicata sul mop, mentre una tanica da 4 L è pronta a ricaricare la cartuccia in maniera semplice e veloce (e con notevole risparmio economico).

Il detergente Bona sfrutta il potere pulente dell’acido citrico (presente nella sua formulazione in piccola percentuale) per smacchiare e igienizzare il parquet in maniera del tutto naturale e sostenibile.

A differenza della maggior parte dei detergenti presenti sul mercato, quello di Bona è progettato in maniera specifica per i pavimenti in legno. Inoltre, sono disponibili diverse versioni a seconda del pavimento in legno: i parquet oliati hanno infatti bisogno di altri componenti rispetto a quelli verniciati. 

Il panno di pulizia

Un’altra questione riguarda invece il panno di pulizia. La maggior parte dei sistemi di pulizia presenta un classico mocio, che può essere a frange, a trecce, rotondo o più lungo. Di certo si tratta di un enorme passo in avanti rispetto al classico straccio, perché evita di doversi chinare ogni volta e di dover toccare lo straccio.

Tuttavia il mocio, esattamente come lo straccio, rilascia molta acqua, nonostante la strizzatura. Per questo, per i pavimenti in legno è bene evitare del tutto un sistema che utilizzi l’acqua e prediligere invece gli spray mop, che utilizzano soltanto il detergente, e nelle giuste quantità. 

Anche gli spray mop possono avere diversi tipi di panni di pulizia. 

Bona Spray Mop, però, ha pensato di offrire diversi panni di pulizia, ognuno specifico per lo scopo da raggiungere e per il tipo di pavimento.

  • Il panno cattura polvere è pensato appositamente per raccogliere e attirare le particelle di sporco prima del lavaggio vero e proprio. Le sue fibre lunghe sono infatti in grado di insinuarsi nelle fughe e attirare grazie al potere elettrostatico polvere, peli e capelli.

Bona ha cercato di coniugare la qualità alla praticità: il panno può essere lavato in lavatrice a 60°. 

  • Il panno di pulizia in microfibra è invece studiato per essere utilizzato in combinazione con il detergente, per il lavaggio vero e proprio. Anche questo può essere lavato a 60° in lavatrice fino a 300 volte.
  • Il panno per applicazioni è sempre in microfibra, ma è specifico per l’applicazione di alcuni prodotti, come ad esempio Bona Polish per la manutenzione del parquet verniciato.

 

Insomma, scegliere la giusta modalità di pulizia del parquet non è semplice, perché si hanno molte più limitazioni rispetto alla ceramica o al laminato. Data la delicatezza del legno, la cosa migliore è prediligere la qualità dei materiali, che consentono non solo una pulizia profonda ed efficace, ma anche una maggiore durata degli strumenti di pulizia e cosa prioritaria di preservare nel tempo, il tuo pavimento in legno!