page loader

News

Il parquettista: l’iter per diventare il professionista

11/03/2019
Categorie: News
Il parquettista: l’iter per diventare il professionista

Chi è il parquettista? Qual è il suo ruolo all’interno della catena che parte dal reperimento del legno e arriva al pavimento della tua casa? 

Qual è il costo parquettista e cosa comprende il suo lavoro? Infine, i parquettisti certificati necessitano di una formazione specifica? 

Oggi sciogliamo tutti i dubbi relativi a questa figura professionale che opera nel mondo dei pavimenti in legno. 

Per ottenere infatti lo splendido pavimento che regna nella tua casa è necessaria la collaborazione di tutta una serie di figure: inoltre, il lavoro non si esaurisce nel momento della posa, ma prosegue con una manutenzione puntuale e costante.

Il parquettista: l’iter per diventare il professionista del parquet e offrire il proprio supporto ai consumatori

Quando, dopo una lunga giornata di lavoro, rientri a casa e ti togli le scarpe, hai il piacere di goderti il tuo bel parquet. Questo è possibile grazie al lavoro dei parquettisti, che ogni giorno sono in prima linea per intervenire sulla manutenzione dei pavimenti in legno.

Il percorso per diventare parquettista non è semplice, e richiede l’acquisizione di diverse competenze, per poter operare. 

I pavimenti in legno possono essere prodotti e commercializzati in tantissime varianti: per questo è necessario per il parquettista essere costantemente aggiornato sulle novità del mercato in modo da poter soddisfare le richieste del cliente.

Un giorno si può avere a che fare con un pavimento in massello, quello dopo con un parquet oliato o verniciato, e quello dopo ancora con un pavimento rovinato che ha bisogno di un intervento. 

Chi è il parquettista?

Possiamo definire il parquettista come un professionista specializzato nella messa in posa e nella vendita di pavimenti in legno. È suo compito quindi trovare il pavimento giusto per la tua casa, coniugando le esigenze stilistiche con le richieste del cliente.

In cosa consiste il suo lavoro?

Il parquettista o parchettista si occupa sì della messa in posa, ma questo è solo il punto di arrivo di un lavoro che comincia molto prima.

Il sopralluogo

La prima cosa di cui il parquettista si occupa, infatti, è procedere a un sopralluogo degli ambienti interessati. Qui provvederà ed effettuare delle misurazioni di precisione e a verificare che siano presenti le giuste condizioni per la posa del parquet: pulizia, consistenza, umidità del massetto o del supporto di posa…

Il pavimento sottostante non deve infatti presentare irregolarità: anche un’imprecisione di pochi mm di una mattonella può compromettere l’intera posa, sia nel caso del procedimento a incastro sia in quello con sistema a incollaggio. 

Inoltre, durante il sopralluogo il parquettista verificherà anche le condizioni generali dell’ambiente: il legno per performare al meglio ha infatti bisogno di una temperatura che oscilli tra i 18° e i 22°; l’umidità, invece, dovrebbe essere compresa tra il 45% e il 65%. 

Tutta questa preparazione è volta a ottenere una posa perfetta, che non presenti irregolarità e duri a lungo, soddisfacendo i bisogni del cliente.

La posa  

Successivamente, il parquettista procederà a preparare il materiale scelto e infine a posarlo. Dopodiché, effettuerà tutte quelle operazioni successive alla posa, che in genere consistono in spianatura e finitura a vernice o a olio a seconda della scelta del cliente. 

Ma nemmeno a quel punto il lavoro può dirsi concluso.

La manutenzione

A quel punto la palla passa al cliente, che deve seguire le istruzioni che lo stesso parquettista fornisce per la pulizia quotidiana del nuovo pavimento in legno. Sappiamo infatti che il parquet richiede qualche attenzione in più rispetto a un pavimento in ceramica o gres porcellanato

Tuttavia, anche adottando tutti gli accorgimenti possibili, il pavimento in legno avrà bisogno dopo qualche anno di interventi manutentivi, resi necessari dall’usura. Poiché il legno è un materiale “vivo”, infatti, dopo qualche anno lo strato superficiale tenderà a consumarsi. Oltre a ciò, potrebbero essersi accumulati macchie e graffi che non è stato possibile rimuovere con le normali tecniche di pulizia del parquet

A quel punto il parquettista interviene con una levigatura, effettuata con delle macchine professionali come Bona FlexiSand 1.9

In questo modo si rimuove lo strato superficiale del parquet, facendone emergere uno nuovo e rinnovando così il pavimento.

Come si diventa parquettista 

Bona ha creato un programma di training per fornire la qualifica di Parquettista Certificato.Ciò significa seguire un programma di formazione che dà tutti gli strumenti e le competenze necessarie a svolgere il lavoro, beneficiando della forza di un marchio come Bona, di un supporto a 360° di marketing e di visibilità online. Il tutto concludendosi con il rilascio della Certificazione Parquettista Bona sulle competenze e abilità acquisite. 

In questo modo è possibile fornire ai clienti una garanzia di affidabilità e una qualità di performance e servizio.

Il programma si rivolge ad artigiani e professionisti che hanno già accumulato esperienza nel settore, che rispettino una serie di requisiti e che vogliono perfezionare le loro competenze in modo da poter fornire prova delle abilità acquisite.

La formazione

Il programma di Bona prevede due giornate di preparazione tecnica iniziale, con lo scopo di ampliare le conoscenze professionali. Ogni corso termina con una verifica finale volta ad accertare le competenze acquisite, a ulteriore garanzia di qualità per i clienti. 

In questo modo si entra a far parte di una vera e propria squadra di professionisti, che garantisce sicurezza e affidabilità. Inoltre, dopo la verifica e il rilascio dell’attestato, si procede con una giornata di aggiornamento annuale, al fine di stare al passo con le nuove tecniche e i nuovi materiali da utilizzare, come la nuovissima campagna di Bona Inspiration

Il supporto

Bona sostiene i propri parquettisti non solo con la formazione ma anche con un programma di supporto che aiuta nell’acquisizione e nel mantenimento di nuovi contatti. 

Inoltre, viene fornito un supporto di marketing attraverso la realizzazione di campagne pubblicitarie appositamente progettate.

Rivolgersi a un parquettista certificato Bona significa quindi avere la garanzia di un lavoro svolto non solo secondo le normative vigenti in materia e in totale sicurezza, ma anche caratterizzato da qualità e professionalità.